Retail: digitale anche se fisico

Retail: digitale anche se fisico

Quali sono le azioni che un retailer deve compiere per far sì che il punto vendita sarà sempre più simile a un sito E-commerce per trasparenza, interazione e relazione?

Il digitale applicato al canale fisico è in grado di cambiare decisamente le dinamiche di un retail in particolare dopo l’accelerazione del digital generata in fase pandemica.

Il negozio fisico deve offrire al consumatore i benefici che otterrebbe acquistando online, con l’aggiunta dell’elemento di esperienza e relazione umana tipica del negozio fisico. Per un retailer oggi è necessario applicare modelli diversi a processi, prodotti e servizi attuali. Oggi pertanto, tutti i canali a disposizione di un brand, digitali e fisici, devono fondersi in un unico ecosistema.

Il negozio deve divenire “trasparente” come un negozio online, ovvero rendere immediatamente visibile tramite smartphone tutto ciò che offre. Il retailer dovrebbe donare al consumatore un’esperienza simile a quella vissuta tramite un’e-commerce offrendogli un approccio esplorativo (poter esplorare da casa il negozio tramite smartphone), una parte conversazionale (la possibilità di poter interagire con il negoziante telefonicamente o con delle video-chiamate) ed una parte dispositiva (l’opportunità di poter ordinare un prodotto e riceverlo a casa).

I Trend Che Prevediamo Per Retail & E-commerce | Studio Cappello Blog

Retailing oggi non significa solo banalmente vendere prodotti bensì costruire un rapporto con il consumatore crossmediale capace di durare nel tempo, per poi vedersi ripagati con le tempistiche e le modalità a lui più congeniali.

Oltre al fattore fondamentale della digitalizzazione, un elemento da non sottovalutare in un retail è quello dell’esperienzialità.

Il nuovo consumatore desidera vivere un’esperienza che possiamo definire di onlife commerce, in cui l’acquisto è solo la parte finale di un più ampio processo relazionale che valorizza tutti i punti di contatto tra l’acquirente e il venditore.

Molto spesso le persone non comprano beni ma significati, scelgono prodotti e servizi per ragioni che hanno a che fare con la sfera emotiva, psicologica e psicosociale. Il retailer deve fare in modo che il punto vendita diventi un “punto di esperienza” adoperandosi per offrire un’experience di continuità tra touchpoint fisici e digitali.

Related posts

L’evoluzione dei Centri Commerciali

C’era una volta il Centro Commerciale

Consumatori e consumi stanno cambiando. Quali cambiamenti dobbiamo aspettarci per il futuro dei Centri Commerciali?

C’era una…

Read More

Temporary Store: una nuova strategia di vendita

Il mondo delle vendite sta cambiando rapidamente negli ultimi anni con l’avvento di…

Read More

Temporary Store e Pop-Up pensati per brand all’avanguardia

Millennials Generazione Z e i brand

Oggi più che mai, le giovani generazioni si distinguono profondamente dalle precedenti.

Rispetto ai più anziani, la Generazione Z…

Read More

Join The Discussion

Search
Price
Amenities
Facilities

Compare listings

Compare
Invia messaggio
1
Possiamo aiutarti?
Salve, vorrei informazioni riguardo i vostri servizi.

Prima video consulenza gratuita per l'affitto di spazi temporanei nei centri commerciali